Fare FLAT LAY  fa TENDENZA.

Una bellissima giornata di primavera, una location nascosta sui Navigli, un gruppo di Blogger curiose: elementi fantastici per un interessantissimo workshop sui flat-lay, gli scatti dall’alto che sono ormai un must per chi si racconta sui social.

Il nostro gruppo di UF Lovers si incontra un paio di volte all’anno per condividere live esperienze legate all’attività di blogger, avendo la possibilità di conoscersi con altre persone che hanno interessi e percorsi professionali simili.

Ultimamente ci siamo viste in un bellissimo secret bar sui Navigli, il Ma Hidden Kitchenper condividere un workshop sui flat- lay.

 

È stato ideato dalla scenografa Samuela Li Calzi in collaborazione con il fotografo Pietro Baroni.

 

Per qualche ora ci è stato concesso di guardare il mondo dall’alto in basso 😉

 

La nostra riflessione di partenza è che La vita è troppo breve per essere flat! Ecco perché abbiamo pensato che può essere stimolante giocare con gli oggetti e raccontare storie, vite, personaggi con un semplice (mica tanto!) scatto fotografico.

Creare un flat lay non è così facile! Devi metterci occhio per l’inquadratura e gusto per la composizione. Come si fa? Ecco brevi regole e suggerimenti tattici per aiutarti un po’.

1

Fai attenzione ai dettagli!

Impara ad osservare e non solo guardare.

Un esempio di tutti i giorni: l’interrutore lo usi di continuo e non lo guardi mai. Poi a un certo punto ti accorgi di quanto è sporco…

2

Non copiare, ma prendi spunto!

Studia le foto che ci sono sul web.
Per essere creativo, innovativo, unico devi sperimentare, scovare e accostare materiali insoliti: liquidi, polverosi, antichi, di design.

3

Decidi un colore dominante.

L’ordine nelle composizioni non è mai casuale: vanno studiate geometrie e cromie. Mai mettere troppe cromie e oggetti che stonano. Puoi aggiungere un solo colore che non c’entra così come un oggetto fuori tema.

4

L’ombra non è bandita, ma va gestita!

Gli oggetti non vanno mai sovrapposti, ci deve essere sempre un minimo spazio, anche quando vengono accostati: non bisogna creare ombre che rubano l’attenzione al soggetto.

5

Sempre meglio togliere che aggiungere!

Il segreto di buon flat lay è la composizione.

Si possono avere scatti pieni zeppi di oggetti oppure minimal, con tutto al centro o con dettagli fuori campo che entrano appena.

6

Attenzione alla luce!

Evitate quella artificiale. Meglio scattare vicino alla finestra e correggere in photoshop eventuali discromie.

Se ci sta, aggiungete una candela o lucine a led a batteria per un effetto più caldo.

Per gli scatti in interno, sono validissime le luci aggiuntive, che danno un risultato quasi professionale!

7

A ciascuno il suo carattere!

Lo sfondo determina il carattere dello foto. Un must have è la base bianca che fa risaltare gli oggetti. Perfetti fondi caldi, legnosi, sabbiose, bicolor  (belli con taglio diagonale).

8

Guarda che storytelling!

Gli oggetti raccontano una storia o definiscono ritratti di personaggi. Ogni elemento ha bisogno di dare un senso allo scatto nel suo insieme. Noi abbiamo raccontato I Murr attraverso gli accessori delle loro borse!

9

Fellini docet!

Aggiungi il particolare, con attenzione felliniana al dettaglio.

Arricchiamo poi con frecce, scritte (belle quelle fatte a mano), post-it, schotch.

Lasciati guidare dalla fantasia.

10

Everywhere Green

Un elemento vitale che aggiunge sempre valore all’immagine è l’utilizzo di piante verdi e fiori freschi.

Ecco alcuni degli Shop di Samu, dove lei cerca e trova gli oggetti  giusti!

Zodio & Mercatini dell’antiquariato (Buccinasco top!)

Fiorai (Lily Decor a Mi e Primo a Corsico)

Negozi di affitto e noleggio props (ad esprops.it. – noleggiocose.it – 10watt, scenaperta, studio area zz, rentdesign)

Un grazie alle nostre blogger del cuore, delle new entry che speriamo continuino a seguirci e i nostri amati Ambassor, Antonio e Roberta Murr.

E anche al bravissimo Chef Stefano Ratti, che ci ha deliziati con dolci e finger food salati buonissimi e bellissimi.

Ci sembra ci sia tutto! Pronti per lo scatto?

Lascia un commento