GALLIA&PETER – Cappelli su misura dal 1930

Oggi vi portiamo nel cuore della città in zona Moscova, vicinissimi a Brera e anche al Parco Sempione, per  scoprire Gallia&Peter, la più famosa modisteria di Milano.

Un angolo di mondo, unico nel suo genere, dove si  creano cappelli su misura, una vera e propria casa di moda per acconciature, un luogo magico dove tutto è eseguito a mano e curato in ogni minimo dettaglio.

Ad accogliervi c’è la padrona di casa Laura Marelli che porta avanti la tradizione di famiglia iniziata nel 1930. Veli, velette, cappelli di ogni tipo, cerchietti,  fascinators per la sposa e per cerimonia.

Accessori per la testa per tutti i gusti che la modista crea insieme a voi o vi consiglia, davanti ad uno specchio, il modello più adatto al viso, al vestito e alla personalità.

cappelli su misura milano

I CAPPELLI SU MISURA DI GALLIA&PETER

Il cappello è quel dettaglio capace di valorizzare l’outfit di una donna, è quel quid che dà raffinatezza, eleganza anche ad un abito, è quell’elemento che può potenziare la bellezza di un viso. Quanto sono speciali, e quanti modelli esistono! Eppure difficilmente li indossiamo, forse perché non siamo capaci di scegliere il modello più adatto a noi, perché non ci rendiamo conto di quanto possa valorizzarci.

Ma se troviamo la persona e il posto giusto, forse, riusciamo a trovarne anche mille di modelli.

E infatti in atelier è possibile trovare una varietà di cappelli che si possono acquistare sul momento oppure con la consulenza di Laura è possibile crearlo su misura.  Adiacente allo show room c’è infatti il laboratorio dove le modiste sono al lavoro fra velette colorate, paglie finissime, fiori di seta e mille altri materiali.

cappelli su misura milano
Laura Marelli nel suo laboratorio. Foto di Gallia&Peter

LE CLIENTI DI GALLIA&PETER

Ma chi sono le clienti abituali di Gallia&Peter? Donne alto locate, della Milano bene, attrici italiane e straniere, principesse arabe. Ma anche la sposa che ricerca l’originalità o la testimone di nozze che desidera valorizzare il suo abito. Chiunque  voglia dare un tocco di creatività al proprio look con un oggetto di valore, perché pensato per sé e fatto su misura.

E, a proposito di donne della Milano bene, vi sveliamo un’interessante chicca.Andando indietro nel tempo, proprio negli anni ’30-40, tra  le signore che indossavano i cappelli Gallia&Peter, vi erano Gigina Necchi la moglie di Angelo Campiglio insieme proprietari della splendida  Villa Necchi e Nedda Necchi sorella di Gigina. Nella meravigliosa villa è possibile tutt’ora ammirare la collezione di cappelli firmati Gallia&Peter. Un vero incanto!

cappelli su misura milano
Foto di Gallia&Peter

Anche gli stilisti frequentano l’atelier dove sottopongono i loro schizzi, trovano spunti nei numerosi sempre attuali modelli o nell’archivio storico.

L’archivio è la chicca di tutto l’atelier:  quest’ultimo conserva cappelli antichi, frutto di donazioni da parte di generose clienti che regalano i cappelli di famiglia, sicure che questi  possano essere un giorno utilizzati per mostre, uffici stile e documentazione storica. Un tesoro prezioso che racconta la storia di questo atelier dagli anni ’30 ad oggi.

Tra gli stilisti che collaborano con Gallia&Peter vi sono Armani, Ferrè, Curiel, Versace, Dior, Moschino, Prada.

cappelli su misura milano
Foto di Gallia&Peter

Laura Marelli è stata davvero brava a portare avanti la tradizione di famiglia, e soprattutto a saper unire tradizione  e innovazione coniugando l’eredità di una storia artigianale di grande maestria con la sua creatività e voglia di innovarsi.

Entrare in Gallia&Peter è come immergersi in un mondo fatato e colorato. Appena si varca la soglia l’effetto wow è assicurato. Provare per credere!  E, se poi avrete la fortuna di creare il “vostro cappello” avrete l’opportunità di conservate un pezzo unico e di valore. Una volta nella vita lo si può fare vero?

Gallia&Peter è stata inoltre riconosciuta dal Comune di Milano Bottega Storica.

Gallia&Peter via Moscova, 60, tel: 02 7600 2628

 

Immagine in evidenza: foto di Gallia&Peter

 

 

 

 

Facebook Comments

Lascia un commento